Home - Bibliografia - Amore a Cape Town

AMORE A CAPE TOWN
Vincitore dell'edizione 2007 del Premio "Angeli nel cielo del Cilento"

Una donna italiana di mezza età, avvenente, libera e amante dei viaggi, è ospite in Sudafrica di un'amica – e crede nella Grande Anima del Viaggio, e cerca l'amore, una scossa sensuale ed esotica che possa indicarle una definitiva rotta sentimentale.
L'amore è il rovello e il cruccio di questa donna un po' sfacciata e un po' indifesa, perché in Italia non le è riuscito di trovare l'uomo della sua vita; ma proprio in Italia le è venuto in mente di provare con la Soluzione Straniera, perché magari altrove, all'altro capo del mondo – nell'Africa più lontana – le cose sono diverse, le paure di meno, le vigliaccherie "italiane" assenti. Invece si può fare il giro del mondo, si possono attraversare gli oceani, e ci si può incantare davanti ai più bei panorami della terra, eppure le cose non cambiano, le persone fanno sempre gli stessi gesti, l'amore continua a impastarsi con la paura, la sperdutezza e, purtroppo, con lo squallore delle mezze reticenze e dei telefoni che squillano a vuoto dopo una notte di "amore".
Amore a Cape Town è un romanzo limpido e malinconico su una città struggente; ma è, soprattutto, un romanzo sui sentimenti che sfuggono e su quella leggera ma dolorosa stanchezza che, infine, colpisce la maturità che ancora non è sazia d'amore. Andrea Di Consoli

- RECENSIONI -

Amore a Cape Town

 

 

 

 

 

 

 


personaggi

La Viaggiatrice (la voce narrante)
Margherita (la sua amica italiana in Sudafrica)
Piska (la sua gatta tigrata)
Eddy (giovane sudafricano aitante)
Guido (maturo sudafricano fascinoso)
Cassie (la sua cagnolina border collie)
Billy (amico sudafricano di Margherita)
John (amico inglese di Billy)
Siyabulela (cantante sudafricano)
Cape Town, Kaap Stadt (città dai due nomi, una delle città più belle al mondo)


dettagli

Avagliano Editore, 2006; pagine 148
Prezzo € 12.00 - ISBN 88-8309-213-9

I link dei siti in cui il libro è in vendita:
www.avaglianoeditore.it - www.ibs.it
www.lafeltrinelli.it - www.bol.it
www.hoepli.it - www.libri.dvd.it
www.unilibro.it - www.libri.shop.it
www.libraccio.it - www.gorilla.it
libreriarizzoli.corriere.it


Estratto del romanzo

Prove tecniche di soluzione straniera (pagg. 20-21)

Sono uscita con Eddy, ieri sera.
Eddy è un nuovo personaggio di questa storia, uno di quegli incontri che possono facilmente avvenire, anzi sarebbe strano se non avvenissero, durante un viaggio. Specialmente se all'altro capo del mondo, in un'estate diventata improvvisamente fredda. Specialmente se c'è la complicità della bellezza.
Eddy infatti è un ragazzo bellissimo, capelli neri e occhi azzurri. Viso perfetto, espressione dolce e intelligente, sorriso ottimista. Sudafricano di etnia (o sarebbe meglio dire lingua?) afrikaans, conosciuto in uno dei ristoranti più chic di Cape Town. Particolare buffo: è un ristorante italiano, il "Balducci", situato in ottima posizione proprio sul mare, al Waterfront. Cioè l'antico porto, ora diventato una specie di gigantesco molo che si specchia nell'oceano, tutto foderato di coloratissimi shops, coffee bars, restaurants e big ethnic markets. C'è persino un albergo, piuttosto lussuoso e dal nome solenne: il "Table Mountain Hotel", uno dei più famosi di Cape Town, nel quale è scesa una volta (e la sua venuta già sa di leggenda) anche Madonna. Diciamo pure che Margherita non poteva proprio evitare di portarmi a fare un giro lì.
Io e Eddy facciamo conoscenza facilmente, la situazione è propizia, lui lavora lì come cameriere e studia musica al conservatorio. Dopo qualche reticenza, spinta da Margherita, attacco bottone mentre ci serve al tavolo. Sfacciatamente gli faccio un complimento. Arrossisce. Incredibilmente. Poi sorride e anzi ride con un rovesciarsi all'indietro della testa che denota simpatia e abbandono alla situazione. Mi presento. Si presenta.
Suona la chitarra, scrive canzoni. Canta. Deve avere una bella voce quando canta, a giudicare da quella che emette quando parla e ride. Una compagnia piacevolissima.
Dopo un bicchiere di bianco il mio inglese diventa subito fluent e riesco a intrattenerlo con una conversazione brillante.
Ma se tutto è così perfetto, perché dunque la serata non è andata come Margherita e io speravamo?
Perché ho dimenticato di aggiungere un piccolo dettaglio.
Eddy ha ventuno anni meno di me.
E' davvero un ragazzo.
Quando lo vedo nel luogo dell'appuntamento la clamorosa differenza d'età fra noi mi sembra ancora più evidente. Mi sta aspettando appoggiato a una ringhiera in cima a una scalinata al piano superiore del labirintico centro commerciale dove ci siamo dati appuntamento. Aspetta guardandosi intorno, con l'espressione perplessa, un po' smarrita. Forse solo perché io sono in ritardo (in realtà sono arrivata in anticipo, ma non ho capito bene le sue indicazioni e sulle prime ho sbagliato bar). O forse perché si sta chiedendo anche lui che cosa sta facendo lì. [...]


i luoghi

Città del Capo

Città del Capo (Cape Town o Kaapstad), la più antica città del Sud Africa, fu fondata nel 1652 da una spedizione olandese sotto il comando di Jan Van Riebeeck. La flotta, composta da 5 navi, era stata inviata dalla potente Compagnia Olandese delle Indie Orientali allo scopo di fondare un insediamento permanente nei dintorni del Capo di Buona Speranza in modo da poter approvvigionare le navi lungo la rotta che dall'Europa portava in Oriente. Il primo edificio costruito fu un piccolo forte di legno, sostituito nel 1666 da un più robusto forte di pietra chiamato Castello di Buona Speranza ("Kasteel van Goede Hoop").
Attorno al forte, tutt'ora esistente, si sviluppò Città del Capo, che è oggi per popolazione la terza città sudafricana e la capitale della provincia del Western Cape, oltre a essere la capitale legislativa del Sud Africa, sede del parlamento sudafricano. La città è famosa per essere inserita in un bellissimo e suggestivo paesaggio naturale, che la rende una fra le città più belle del mondo, essa è infatti posta sulla penisola del Capo di Buona Speranza, lungo una grande baia dominata dalla famosa Montagna della Tavola (Table Mountain) che supera i 1000 metri d'altezza. Città del Capo è la più popolare destinazione turistica del Sud Africa, grazie alle molte attrazioni naturali come la Montagna della Tavola (Table Mountain); la penisola del Capo di Buona Speranza con Cape Point; la famosa strada panoramica Chapman's Peak Drive; le numerose e belle spiagge come Boulders Beach vicino a Simon's Town dove è possibile ammirare una colonia di pinguini; i maestosi giardini botanici di Kirstenbosch. Tra le attrazioni storico-culturali da non mancare l'antico forte olandese; la tristemente famosa Robben Island dove Nelson Mandela fu rinchiuso durante gli anni di prigionia; molto interessanti sono le architetture in stile olandese del Capo (Cape Dutch) di molte case nel centro della città; il caratteristico quartiere malese di Bo-Kaap; il Victoria & Alfred Waterfront è il più popolare shopping center, sapientemente inserito nel vecchio porto della città, qui si trova anche il Two Oceans Aquarium.
(tratto da colonialvoyage.com)

Wikipedia Per saperne di più vedi

DANTE

:: In questa sezione alcuni canti della Divina Commedia commentati da Bianca Garavelli: Inferno II,
Purgatorio XXVIII,
Paradiso XXXII accedi